Automassaggio per sportivi (breve guida)

Alessandro Nardomarino Massaggiatore – Info: 3409693779 – email: ale.nardomarino@gmail.com – Viareggio – Via Baracca, 116

Il massaggio fai da te non può essere chiaramente considerato di pari efficacia a quello che un valido massaggiatore è in grado di fare, ma può comunque dare sollievo in mancanza di altra possibilità.

Vediamo in dettaglio come auto trattare i vari distretti del corpo tenendo presente di:

1) scegliere di esercitare con le vostre mani la pressione che vi sembra vi dia il maggior sollievo (magari giocando con le varie pressioni fino a quando non trovate la più idonea)

3) non utilizzare oli particolari o creme se non conoscete i principi attivi; un olio di semi di girasole biologico (si trova anche nei supermercati) è perfetto. Si può non usare nulla.

4) effettuare un rilassamento prima di iniziare l’automassaggio. Ci si distende a terra in posizione supina (a pancia in su). Lentamente si prende in esame ogni singola parte del corpo portandovi l’attenzione mentale. Si rilassano le mascelle, la bocca dovrebbe essere leggermente aperta

6) prendersi il tempo necessario per l’automassaggio;  almeno dieci minuti.

Ischiocrurali

P1010243

Sedersi sul pavimento, piegare un ginocchio in modo da mettere in rilassamento i mm ischiocrurali della coscia. Utilizzare entrambe le mani, con le dita rivolte verso l’alto, fare piccoli cerchi partendo dal ginocchio e risalendo verso la base della coscia. Ripetere sulla gamba opposta.

Quadricipite

P1010248

Sedetevi su una sedia e appoggiate il vostro avambraccio alla piega della radice della coscia a livello dell’anca. Piegarsi in avanti in modo da premere con l’avambraccio sulla coscia e scivolare lentamente sul muscolo quadricipite dall’alto verso il ginocchio (potete anche usare i pugni.) Ripetere sul lato opposto. 

Polpaccio

P1010245

Mettere un piede su una sedia. Utilizzando il palmo di una mano scivolare sui muscoli del polpaccio dal basso verso l’alto. Successivamente possiamo utilizzare i pugni sempre partendo dalla caviglia fino ad arrivare al ginocchio. Dopo un paio di passaggi in questo modo, premere il polpaccio con i pollici facendo dei piccoli cerchi con le dita sempre dal basso verso l’alto . Ripetere sul’altra gamba

Piedi


toglietevi scarpe e calze e iniziate a trattare la pianta del piede spalmando una piccola quantità di olio neutro su tutta la superficie dell’arto. L’olio va steso anche fra le dita dei piedi; poi si divaricano le dita con attenzione, per non lacerare la pelle infradito.Infine, iniziando dall’alluce, si tirano e ruotano, in senso orario, ad una ad una, tutte le dita del piede.

Massaggiate con decisione utilizzando i pollici l’intera superficie della pianta del piede, partendo dal tallone alla base delle dita. Concludete sfregando con il palmo della mano aperta la parte laterale sia interna sia esterna del piede così da portare sollievo alla colonna vertebrale, che in queste parti ha appunto la sua corrispondenza.

Schiena

asis1

Potete fare un ottimo automassaggio alla schiena (zona lombare soprattutto), con la pressione equilibrata dei pollici lungo la muscolatura paravertebrale (accanto alla colonna vertebrale) dall’alto verso il basso. La pressione può avvenire prima da una parte e poi dall’altra oppure contemporaneamente sia a destra che a sinistra, punto dopo punto, per 3 volte.

STANCHEZZA ALLE GAMBE?

zusanli1

Autotrattare il punto 36 del Meridiano dello Stomaco, uno dei punti ENERGETICI più conosciuti, efficaci ed importanti..

Elimina la stanchezza, tonifica e rafforza le gambe, regolarizza la digestione.
Come trattarlo:
situato nella depressione fra le due ossa della gamba (tibia e perone) 4 dita sotto il bordo inferiore della rotula, va premuto con il polpastrello del pollice, mantenendo una pressione statica per alcuni minuti.

Gli antichi viaggiatori orientali usavano autotrattarlo regolarmente contro la stanchezza delle gambe.

Alessandro Nardomarino:

Operatore Shiatsu, Istruttore di Mindfulness, Personal Trainer, insegnante di Postural Pilates e appassionato Sportivo, ha frequentato corsi e gruppi di Craniosacrale, Zen, Tantra e Meditazione. Unisce l’antica saggezza orientale alla praticità occidentale.

“Lascia che riaffiori la saggezza istintiva del corpo. Ascolta i suoi messaggi e lascialo libero di esprimersi al meglio”.

Info: 340 96 93 779 – email: ale.nardomarino@gmail.com

Viareggio – Via Baracca, 116

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.