Archivi categoria: Blog

Massaggio caldo, massaggio freddo

di Alessandro Anutosho Nardomarino

Il modo di massaggiare nel mondo, risponde soprattutto al tipo di clima presente in quella determinata zona geografica.

Nelle aree calde dell’India nasce il massaggio ayurvedico, che abbonda nell’uso di olii, il corpo può denudarsi senza avvertire freddo e nutrirsi degli olii. Lo stesso vale per quello thailandese che ne utilizza in minore quantità o l’hawaiano.

Tutte queste tipologie di massaggio “calde” corrispondono infatti a climi caldi.

La mia formazione al massaggio nasce con un massaggio “freddo”, lo Shiatsu, di chiare origini giapponesi, sviluppatosi in zone con clima tendenzialmente freddo e molto umido.

Nessun olio utilizzato e pressioni mirate a fortificare il corpo messo alla prova da quel tipo di temperatura e tasso di umidità.

Approfondendo negli anni varie tecniche, affinando la mia sensibilità, confrontandomi con molti maestri del massaggio, ho da principio notato, poi approfondito e codificato una tecnica che risponde al meglio a quelle che sono le esigenze del corpo “occidentale”.

Il mio Shiatsu che ho chiamato “Shiatsu Anutosho” è una tecnica più calda dello Shiatsu tradizionale giapponese, utilizza quando possibile olii, anche se in maniera oculata, segue le linee dello Shiatsu con pressioni statiche ma anche scivolate e risponde alla richiesta del corpo occidentale tenendo sempre presente le esigenze dell’individuo; la tecnica è importante ma l’attenzione di più.

Estremamente efficace sulla schiena, ha un effetto rilassante e rigenerante per il sistema nervoso, scioglie tensioni articolari e muscolari e lavora in maniera eccellente sull’apparato digerente.

Ho un profondo rispetto ed amore per il massaggio e per il corpo dei miei clienti, utilizzo le mie conoscenze tecniche ma metto davanti a tutto tutto la sensibilità.

Alessandro Nardomarino (Jivan Anutosho) 

Operatore Shiatsu met. Namikoshi, Insegnante di Postural Pilates e Personal Trainer, Operatore Professionale Shiatsu, ha frequentato corsi di Craniosacrale, Meditazione, Zen e Tantra. Sportivo ed amante del nuoto.

INFO: 340 96 93 779 – email: ale.nardomarino@gmail.com

Viareggio – Via Baracca, 116

Siena – Via A. Rosi, 38

Colle val d’Elsa – Via Bilenchi, 12

Firenze

Cos’è il massaggio? (per operatori e non)

Il massaggio non è cosa ordinaria.

Esso ha un enorme significato.

Ci sono poche persone nate per massaggiare. Se tu sei una di quelle la tua energia può andare molto, molto in profondità. Però ci sono alcune cose che devi sempre ricordare mentre massaggi.
La persona che massaggi non ha corpo. Concepiscila come senza corpo e il tuo massaggio andrà molto in profondità.

Primo, pensa alla persona come se non avesse corpo e poi pensa te stesso come se non avessi corpo. Per corpo intendo che né lui né tu siete materia, entrambi siete energia. Quando due cose materiali si toccano, c’è una collisione. Quando due energie si toccano esse semplicemente si mischiano, si uniscono e si fondono l’una nell’altra. Non c’è collisione. Due corpi fisici sono destinati a collidere.

Ogni volta che tocchi il corpo di qualcuno come corpo, e lui stesso si percepisce come corpo, ci sarà una difesa, una contrazione. L’armatura di difesa entrerà in azione.
Allora la prima cosa è sentire che l’altro è semplicemente una energia; tu sei anche una energia. Dopodiché comincia a giocare con l’energia come se stessi suonando una chitarra. Fa che sia musica più che massaggio.

Fa che sia gioco più che lavoro. Lascia che venga dal cuore più che dalla mente. La tecnica va conosciuta, ma poi dimenticata. Uno dovrebbe conoscere la tecnica e poi non preoccuparsi di essa. Essa si radica nell’inconscio e da li funziona, ma tu muoviti attraverso l’istinto. In questo modo tu senti l’energia dell’altra persona, presenti te stesso come un fenomeno energetico, e poi due energie cominciano a giocare. Il massaggio è quasi come amare.

Osho, tratto da “The shadow of the whip”

Alessandro Nardomarino (Jivan Anutosho) 

Operatore Shiatsu met. Namikoshi, Insegnante di Postural Pilates e Personal Trainer, Operatore Professionale Shiatsu, ha frequentato corsi di Craniosacrale, Meditazione, Zen e Tantra. Sportivo ed amante del nuoto.

INFO: 340 96 93 779 – email: ale.nardomarino@gmail.com

Viareggio – Via Baracca, 116

Siena – Via A. Rosi, 38

Colle val d’Elsa – Via Bilenchi, 12

Firenze

Il Bioritmo secondo la MTC

Nella medicina occidentale solo da qualche decina di anni si tiene conto dell’uso dei farmaci in certi orari piuttosto che in altri. Da poco tempo si prende in considerazione che il corpo ha un preciso bioritmo che va rispettato per avere il meglio nelle nostre performance. Questo in MTC (medicina tradizionale cinese) era ed è ben risaputo. Nella foto potete vedere, in inglese, in quali orari gli organi sono al loro massimo di attività ( in realtà esiste anche un minimo). Vedete come il cuore, con i suoi meridiani, ha il massimo intorno a mezzogiorno. Le dodici è il picco della giornata nell’elemento del Fuoco per cui il massimo dell’energia yang legata all’attività. In questo orario è più difficile meditare stando seduti e si è portati a preparare il pranzo… Questi sono solo piccoli esempi. Se avete perso la possibilità di ascoltare il vostro corpo, per recuperare la strada, iniziate a vedere questa tabella. Va bene? Sono le 11.40 comincio ad avere fame :).

2a Meditazione audio guidata

Meditazione audio Guidata 2, respirare facendo entrare il suono al centro del proprio petto. Pace mentale. capacità di accogliere e amare.

Ogni mercoledì fino a settembre troverai sul sito una breve meditazione guidata audio. Scegli un momento dove puoi stare da sola/o, chiudi gli occhi e ascolta. Se vuoi riceverlo su wapp manda il tuo cellulare a 3284580546

 

 

L’atleta sensibile

di Alessandro Anutosho Nardomarino (operatore shiatsu)

Sono uno sportivo da “sempre”, mi piace il corpo, attraverso lo Shiatsu lavoro con altri corpi, amo le sue potenzialità e il suo coraggio nell’esporsi prima della mente.

Mente o “testa” che in alcuni manca in chi pratica sport, in altri è troppo ingombrante e in pochi funziona a dovere.

E affinché essa sia davvero utile è necessario ritorni in contatto con il corpo; impari cioè ad ascoltarlo.

La sensibilità corporea è la migliore qualità per far funzionare corpo e mente insieme, al meglio, in maniera che si supportino, si scambino informazioni e si sostengano a vicenda l’uno con l’altro.

Come operatore Shiatsu, pur non trattando e non interessandomi di gravi infortuni, mi stupisco sempre di come la maggior parte di quelli che molti atleti definiscono degli sfortunati incidenti siano sotto le mie mani così palesi ed evidenti molto prima che accadano.

“Lascia riaffiorare la saggezza istintiva del corpo. Ascolta i suoi messaggi e lascialo libero di esprimersi al meglio.”

Inconsciamente un corpo o una mente tesa o esausta, non saranno in grado di attivare quelle difese che in altri casi gli avrebbero permesso di evitare un infortunio a prescindere dalla causa.

Nel 99% dei casi è dovuta alla mancanza di ascolto del corpo o sensibilità che dir si voglia.

Tutti gli sportivi affermano di amare il proprio corpo ma io spesso noto che in realtà essi non ne hanno davvero cura, non affinano nel tempo la capacità di percepirne i bisogni, di seguire i naturali ritmi di carico e scarico, di sfruttarne le potenzialità e di goderne le sensazioni.

Il momento migliore diventa raccontare l’impresa poi non viverla durante.

Lo sport è vero che può essere un ottimo antidepressivo, ma potremmo anche considerare l’opportunità di praticare sport per aggiungere piacere ad una vita già bella di suo!

Lo Shiatsu che pratico è un invito affinché corpo e mente possano ritornare a funzionare al meglio insieme.

Nel rilassamento profondo durante una sessione di massaggio e grazie alle stimolazioni fisiche, puoi ritornare a sentire il tuo corpo, approfondire la conoscenza istintiva e ascoltare i suoi messaggi.

Alessandro Nardomarino (Jivan Anutosho) 

Operatore Shiatsu met. Namikoshi, Insegnante di Postural Pilates e Personal Trainer, Operatore Professionale Shiatsu, ha frequentato corsi di Craniosacrale, Meditazione, Zen e Tantra. Sportivo ed amante del nuoto.

INFO: 340 96 93 779 – email: ale.nardomarino@gmail.com

Viareggio – Via Baracca, 116

Siena – Via A. Rosi, 38

Colle val d’Elsa – Via Bilenchi, 12

Firenze